venerdì 01 agosto 2014 ore 15:51
Tema: ...Terzo millennio@...
Titolo: Come gira il parlare a ventaglio?
Moderatore: Maurizio Spagna
COME GIRA IL PARLARE A VENTAGLIO?
Energico
L'immaturo pugno destro
In senso esteso
Sei un sole rovente e un amplesso estroso e caldo
E da giovane
Sei una staffilata di velocità in cammino e un cuore danzante in cambio delle ore
Mano nella mano
Mano indice che accarezza di fiore in fiore
L'amore.

Da giovane l'ultima cosa che tu senti è il domani.

Scolaro
E anche un pò somaro
Allievo
E anche un pò Giuda che sembri ormone ed omone dei pensieri
Giovanotto
In te dentro te qualcosa si agita
Aiutante
Sei così grande quando sei in mutande e uomo come sei semplice sai se vuoi.

Da giovane l'ultima cosa che tu senti è il tempo che si ferma e ripiega al domani.

Vorrei sapere come gira il parlare a ventaglio?

Ragazzo
Sei vicinissimo al mare e alle maree dell'evanescenza
E di un saio o di una tenda con le ali
Sorge l'orizzonte
Femminile o maschile
I sensi son gli stessi e si abbandonano sui filamenti della vita
L'età giovanile
E' l'ultima cosa che osservi perché sei tu il domani.

Tra la fanciullezza e il dolore c'è la salvezza di una fede che pensi leggera
E così sarai un uomo come sei
Significato e perdono
Per difenderti
Dal mondo.

C'è poi chi si protegge dall'inverso vuoto degli anni
Ma sei in piedi e non vuoi cadere
Perché toccarla appieno 
La delicata giovinezza
E' come un delirio
E' come qualsiasi cosa sia la tua pelle, il viso, le mani che fuggono nel passato
E tornano da ogni parte
Tu sia stato un uomo come sei...

E un ventaglio, che gira spontaneamente di ricordi specchiati al tramonto 
Di un respiro -


Autore: MAURIZIO SPAGNA
Copyright ©2014 




Mail: Password: